Cookie sul sito web SKF

SKF usa i cookie sui suoi siti web per allineare il più possibile le informazioni in base alle preferenze dei visitatori, come ad esempio paese e lingua.

Acconsenti ai cookie SKF?

Sfruttare il vento in mare aperto

  • Caso

    2018 Ottobre 09, 09:00 CET

    L’eolico offshore è tra le fonti rinnovabili più promettenti e i parchi eolici galleggianti, in particolare, suscitano un crescente interesse dovuto alla loro potenzialità di aumentare notevolmente l’area marina di installazione, specie nei paesi come il Giappone, dove le acque poco profonde scarseggiano. Essendo installati a maggiore distanza dalle coste, oltre a ridurre l’impatto visivo sul paesaggio, gli impianti eolici galleggianti beneficiano dei venti più forti e costanti che soffiano in mare aperto.

    Göteborg, Svezia, 9 ottobre: Sebbene la maggior parte delle turbine eoliche galleggianti siano ancora in una fase iniziale di sviluppo, Ideol, azienda leader in questo campo, è all’avanguardia nella commercializzazione di questi impianti. La sua turbina eolica Floatgen, alta 62 metri, è stata di recente installata presso il sito di test SEM-REV dell’École Centrale de Nantes. Ubicato 20 chilometri al largo della costa atlantica francese, l’impianto fornisce energia alla rete elettrica nazionale dal 18 settembre. 

    Nell’attuale fase pilota la turbina ha già fornito ottime prestazioni, dimostrando di poter fronteggiare onde alte cinque metri e venti da 15 metri al secondo. L’installazione su scala reale delle turbine eoliche galleggianti di Ideol permetterà di soddisfare il fabbisogno elettrico di milioni di persone.  

    L’avventura di Ideol è cominciata nel 2010, con la decisione di Paul de la Guérivière e Pierre Coulombeau di esplorare il concetto di turbina eolica galleggiante, da loro ritenuta un’indispensabile integrazione degli impianti con fondazioni ancorate al fondo marino. 

    Ampliare la portata delle turbine eoliche
    Il vantaggio principale delle turbine eoliche galleggianti è che possono essere installate più in profondità rispetto ai modelli fissi, anche a più di 35-40 metri. Con i venti più forti ma anche più costanti che soffiano in mare aperto, le turbine eoliche galleggianti possono produrre energia con maggiore regolarità, a tutto vantaggio dei costi finali. Essendo ubicati a maggiore distanza dalle coste, gli impianti eolici galleggianti riducono l’impatto sul paesaggio, oltre che sull’ambiente marino, senza contare che possono essere disattivati più agevolmente rispetto agli impianti tradizionali.

    Il sogno diventa realtà
    Per realizzare il loro sogno, i due ingegneri hanno fondato la società Ideol, con sede in Francia, vicino a Marsiglia. L’azienda ha brevettato la piattaforma di ancoraggio aforma anulare quadrata, idonea per ogni tipo di turbina, la cui apertura centrale agisce da vasca di smorzamento per garantire stabilità alla piattaforma stessa. Nel contempo è stato istituito un corsorzio di sette aziende, tra le quali Bouygues, leader mondiale nell’ingegneria civile, e l’École Centrale de Nantes, per lanciare le prove su scala reale con il sostegno del 7° PQ dell’Unione europea (7° Programma Quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico). 

    La turbina Floatgen è stata costruita a Saint-Nazaire, vicino a Nantes, e Serge Gracia, responsabile progetti strategici di Ideol, racconta: “Appena insediati a Saint-Nazaire, questa avventura straordinaria e stimolante è diventata la nostra realtà quotidiana. Siamo contenti di essere stati i primi a dimostrare la validità della soluzione galleggiante di Ideol e di prendere parte alla costruzione della prima turbina eolica offshore francese”. E aggiunge: “Siamo orgogliosi del nostro lavoro e di aver superato le sfide tecnologiche. In alcuni mesi siamo riusciti a costruire la fondazione, a sviluppare e realizzare la parte di raccordo e a eseguire i test”. 

    SKF partecipa all’avventura Floatgen
    Ideol ha incaricato SKF di eseguire il controllo iniziale delle condizioni della turbina Vestas V80 impiegata nel progetto Floatgen. Un team della SKF Solution Factory France ha esaminato i cuscinetti principali, la qualità del grasso e il sistema elettrico del generatore (analizzatore Baker). È stato installato un sistema per il monitoraggio continuo delle vibrazioni dell’intera catena cinematica della macchina (cuscinetti principali, moltiplicatore, generatore) che permette il controllo a distanza. 

    Ideol ha già in cantiere altri progetti importanti, come un parco eolico con quattro turbine da 6 MW nel sud della Francia e un progetto su scala commerciale al largo delle coste del Giappone. A questo proposito, il CEO di Ideol, Paul de la Guérivière, ha dichiarato: “Entro il 2030, al largo delle coste del Mediterraneo, la produzione di energia eolica da impianti galleggianti potrebbe toccare i 3 GW, pari al fabbisogno energetico di 6,8 milioni di persone”. Sembra che il futuro di Ideol e dei suoi impianti galleggianti abbia il vento in poppa.

    Aktiebolaget SKF
            (publ)

    Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:
    Ufficio stampa: Giampaolo Desderi, 011 9852510, giampaolo.desderi@skf.com

    SKF è un fornitore leader a livello mondiale nel settore di cuscinetti, guarnizioni, meccatronica, sistemi di lubrificazione e servizi tra cui l'assistenza tecnica, i servizi di manutenzione, consulenza ingegneristica e formazione. SKF è presente in oltre 130 paesi e vanta circa 17.000 punti di distribuzione in tutto il mondo. Nel 2017 le vendite del Gruppo sono state pari a 77.938 milioni di corone svedesi. I dipendenti erano 45.678. www.skf.com

    ® SKF è un marchio registrato del Gruppo SKF.

  • Immagine

Scarica la cartella stampa

Cartella stampa (4.6 MB)

SKF logo