Cookie sul sito web SKF

SKF usa i cookie sui suoi siti web per allineare il più possibile le informazioni in base alle preferenze dei visitatori, come ad esempio paese e lingua.

Acconsenti ai cookie SKF?

Storia della SKF

Ridurre attrito e costi. Risparmiare energia e tempo. Leggi la seguente cronologia di eventi per scoprire in che modo le conoscenze della SKF hanno contribuito all'evoluzione di diversi settori industriali e a migliorare la qualità della vita dal 1907.

Leggi la cronologia degli eventi per scoprire come

  • Sedi direzionali
  • Siti di produzione
  • Centri di ricerca e sviluppo (R&D)
  • Solution Factory
  • 1907-1919
    SKF map 1919 0901d196801ab8b9
    SKF in breve:
    Fatturato nel 1919:
    100 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    14.000
    Primo schizzo di Sven Wingquist

    Primo schizzo di Sven Wingquist del 1907

    Sven Wingquist

    Sven Wingquist, inventore del cuscinetto orientabile a due corone di sfere

    Lo stabilimento di Hartford, Stati Uniti, fu costruito nel 1915

    Lo stabilimento di Hartford, Stati Uniti, fu costruito nel 1915

    Operai in posa per una fotografia fuori dallo stabilimento di Göteborg nel 1916

    Operai in posa per una fotografia fuori dallo stabilimento di Göteborg nel 1916

    • 1907
      Il 16 febbraio 1907 viene fondata la Aktiebolaget Svenska Kullagerfabriken. Sven Wingquist, inventore del cuscinetto orientabile a due corone di sfere è uno dei membri fondatori e primo amministratore delegato. Axel Carlander è presidente del consiglio di amministrazione. Il capitale azionario ammonta a 110.000 corone svedesi. Il 6 giugno viene presentata una domanda di brevetto. I brevetti verranno successivamente concessi in dieci paesi. Viene costruito il primo stabilimento a Säve Strandgata, Göteborg.

      1908  
      Apertura di filiali in Germania e Francia Nomina di concessionari in Finlandia, Svizzera, Belgio, Danimarca, Austria e Australia.

      1909 
      Istituzione di una consociata a New York, la SKF Ball Bearing Co. Apertura di una piccola officina a Parigi. Nomina di concessionari in Italia, Argentina e Giappone.

      1910
      Istituzione della Skefko Ball Bearing Co Ltd nel Regno Unito. Inizio dei lavori in uno stabilimento a Luton. Nomina di concessionari in Norvegia, Portogallo e Paesi Bassi.

      1911  
      Apertura dello stabilimento di Luton, con capacità produttiva giornaliera pari a circa 180 cuscinetti. Le filiali in Francia e Germania diventano società di capitali. Nomina di concessionari in Russia, Spagna e Polonia.

      1912 
      Costruzione di un laboratorio a Göteborg. Nomina di concessionari in Bulgaria, Romania e Messico e, attraverso la società inglese, in India, Cina e Sud Africa.

      1913  
      Istituzione di una società in Danimarca. Nomina di un concessionario in Serbia. La SKF conta 3.200 dipendenti e produce 1,3 milioni di cuscinetti.

      1914 
      Istituzione di consociate in Norvegia, Belgio, Olanda e Russia Aktiebolaget S.A. des Roulements à Billes Suédois SKF istituita a Göteborg per gestire le attività in Brasile. La SKF britannica istituisce una società commerciale in Sud Africa.

      1915
      Inizio della produzione di cuscinetti a una corona di sfere con taglio sfera, noti come "cuscinetti Volvo". Istituzione di una nuova società ad Hartford, Stati Uniti e costruzione di uno stabilimento. Apertura di una filiale a Rio de Janeiro e nomina di un concessionario in Uruguay. Istituzione di una società commerciale in Norvegia.

      1916 
      Quotazione delle azioni della SKF nella borsa di Stoccolma. Acquisizione di Hofors Bruk, una delle più antiche società di estrazione e fusione di minerali in Svezia. Acquisizione di Hess-Bright Manufacturing Co., Philadelphia, Stati Uniti. Istituzione di consociate in Austria e Cina. Acquisizione di Grönkvists Mekaniska Verkstad di Katrineholm, Svezia. Istituzione di una nuova società per gestire le vendite in Sud America. Apertura delle prime filiali in Argentina e Cile.

      1917  
      Costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di cuscinetti a sfere a Bois-Colombes, Francia. Istituzione di società commerciali in Uruguay e Canada, quest'ultima come consociata della società statunitense. Nomina di concessionari in Ungheria e Siam.

      1918 
      Acquisizione della Atlas Ball Co. di Filadelfia, per assicurare la fornitura di sfere in acciaio per gli Stati Uniti. Apertura di un ufficio commerciale in Perù. Nazionalizzazione dello stabilimento di Mosca.

      1919  
      Björn Prytz sostituisce Sven Wingquist nel ruolo di amministratore delegato. Istituzione di consociate in Italia e Cecoslovacchia. Apertura di una sede a Giava. Riduzione della produzione di cuscinetti del 23%, in quanto la produzione industriale post-bellica non è ancora tornata alla normalità. Fusione delle società di produzione e distribuzione statunitensi sotto il nome di SKF Industries, Inc. Arvid Palmgren progetta il cuscinetto orientabile a rulli.
  • 1920-1939
    SKF map 1939 0901d196801ab8bb
    SKF in breve:
    Fatturato nel 1939:
    460 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    40.000
    Cuscinetti SKF, 1921

    Cuscinetti SKF, 1921

    Nel 1926, AB Volvo, una consociata SKF, produce una serie di prova di 10 automobili

    Nel 1926, AB Volvo, una consociata SKF, produce una serie di prova di 10 automobili

    SKF di Göteborg, Svezia, 1938

    SKF di Göteborg, Svezia, 1938

    • 1920 
      Istituzione di una consociata in Messico e apertura di filiali in Australia e Algeria.

      1921 
      Nomina di un concessionario in Nuova Zelanda. Istituzione di una società commerciale a Zurigo, Svizzera.

      1922
      Fine della recessione. Istituzione di consociate in Polonia e Jugoslavia. Nomina di concessionari in Lettonia, Egitto, Ecuador, Paraguay, Guatemala ed El Salvador. Ampliamento della gamma di prodotti con l'introduzione dei cuscinetti a rulli conici. Apertura di una sede a Vienna per organizzare e supervisionare le vendite nell'Europa orientale. Acquisizione del concessionario giapponese e sua trasformazione in consociata SKF.

      1923
      Aumento graduale della produzione. Istituzione di una consociata a Cuba, con responsabilità di gestione delle attività commerciali anche per Colombia e Venezuela. La Skefko di Luton apre una sede nell'India britannica, che gestisce anche le attività commerciali per la Birmania. Nomina di concessionari in Estonia e Lituania. 

      1924 
      Continua la ripresa economica con un nuovo record di produzione di quasi 6,5 milioni di cuscinetti. Istituzione di una consociata in Grecia. Trasferimento della funzione di supervisione commerciale per Europa orientale e Balcani a una filiale di Praga, in Cecoslovacchia.

      1925
      Apertura di consociate in Spagna, Bulgaria, Romania ed Egitto. Nomina di concessionari in Colombia e Venezuela. Acquisizione della Nordiska Kullager AB di Göteborg.

      1926 
      AB Volvo, una consociata SKF, produce una serie di prova di 10 automobili.

      1927
      Istituzione di consociate in Portogallo, Bolivia e Venezuela. Nomina di un concessionario nelle Filippine.

      1928 
      Aumento del capitale azionario a 106 milioni di corone svedesi e quotazione delle azioni della SKF nella borsa di Londra. Acquisizione del pacchetto azionario di maggioranza della società francese Compagnie d'Applications Mécaniques (CAM). Istituzione di consociate in Nuova Zelanda, Turchia e Ungheria.

      1929
      Quotazione delle azioni della SKF nella borsa di Parigi e, grazie a un accordo con un istituto bancario di New York, possibilità di scambiarle con titoli americani al New York Produce Exchange e alla borsa di Chicago Acquisizione di sette stabilimenti per la produzione di cuscinetti a sfere in Germania. Istituzione di una nuova società in Germania, la Vereinigte Kugellagerfabriken A.G. Produzione concentrata a Schweinfurt e Cannstatt. Acquisizione di Lidköpings Mekaniska Verkstads AB.

      1931 
      Trasferimento della sede centrale tedesca da Berlino a Schweinfurt. Inizio di una nuova depressione economica.

      1932 
      Istituzione di una consociata in Giappone.

      1933 
      Aumento della produzione. Istituzione di una consociata in India. Nomina di concessionari in Iran e a Cipro. Chiusura dello stabilimento di Hartford negli Stati Uniti e trasferimento della sede centrale e della produzione a Philadelphia.

      1934
      Scioglimento delle consociate in Venezuela ed Ecuador e nomina di concessionari. Nomina di un concessionario nella Repubblica Dominicana.

      1935
      Quotazione delle azioni della SKF nella borsa di Ginevra. La AB Volvo diventa indipendente dalla SKF.

      1936 
      Dismissione della consociata egiziana. Nomina di concessionari al Cairo e a Beirut.

      1937 
      Apertura della scuola professionale della SKF. Uno Forsberg sostituisce Björn Prytz nel ruolo di amministratore delegato. Elezione di Björn Prytz a presidente del consiglio di amministrazione.

      1938 
      Significativo ampliamento dello stabilimento LMV di Lidköping, in Svezia. Acquisizione del produttore francese di cuscinetti a sfere Malicet et Blin (MAB). Costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di cuscinetti a sfere fuori Berlino. Sven Wingquist succede a Björn Prytz nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

      1939 
      Istituzione di società commerciale a Bratislava, Slovacchia. Nomina di concessionari in Estonia e Nicaragua. Sviluppo e lancio da parte di SKF di un nuovo prodotto, il cuscinetto assiale orientabile a rulli.
  • 1940-1959
    SKF map 1959 0901d196801ac107
    SKF in breve:
    Fatturato nel 1959:
    1.900 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    45.000
    Nel 1957 la SKF acquisisce l'acciaieria Hellefors

    Nel 1957 la SKF acquisisce l'acciaieria Hellefors

    Sede centrale SKF a Göteborg, in Svezia

    Sede centrale SKF a Göteborg, in Svezia

    • 1940 
      Istituzione di consociate a Manciukuò, Polonia e Australia. Acquisizione di nuovo stabilimento a Philadelphia, negli Stati Uniti. Nomina di un concessionario in Islanda.

      1941 
      Istituzione di una consociata a Shangai. Chiusura della società in Bolivia e nomina di un concessionario. I concessionari in Estonia, Lettonia e Lituania cessano l'attività dopo l'occupazione dei rispettivi paesi da parte dell'Unione Sovietica. Harald Hamberg succede a Uno Forsberg nel ruolo di amministratore delegato.

      1943 
      Le filiali in Argentina e Brasile diventano consociate. Liquidazione della società polacca.

      1947 
      Due nuovi stabilimenti negli Stati Uniti. Istituzione di una società commerciale a Helsinki.

      1948 
      A Schweinfurt e Cannstatt inizia lentamente la produzione post-bellica. Nazionalizzazione dello stabilimento in Cecoslovacchia. La filiale di Santiago diventa una società di capitali. Nomina di un concessionario in Jugoslavia.

      1949 
      Inizio dei lavori di costruzione di uno stabilimento a Scarborough, in Canada.

      1950 
      Inizio dei lavori per uno stabilimento a St-Cyr-sur-Loire, Francia, e per uno a Madrid, Spagna. La società di Amsterdam inizia a costruire uno stabilimento a Veenendaal. Introduzione di un nuovo tipo di cuscinetto orientabile a rulli, il "cuscinetto C".

      1951 
      La società americana acquista uno stabilimento ad Altoona, Stati Uniti. Completamento della ricostruzione degli stabilimenti tedeschi. Apertura di un nuovo stabilimento a Sundon, Regno Unito.

      1952 
      La società francese istituisce una società commerciale per il Marocco con base a Casablanca. La società belga apre una sede a Elizabethville nel Congo belga.

      1953
      Sven Wingquist muore il 17 aprile all'età di 76 anni. Gli succede Harald Hamberg nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione. Joel Larsson viene nominato nuovo amministratore delegato. La società commerciale olandese si trasferisce a Veenendaal, dove viene inaugurato il nuovo stabilimento.

      1954 
      Acquisizione del laminatoio a freddo J.N. Eberle di Augusta, in Germania. Harald Hamberg muore e Jacob Wallenberg gli succede nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

      1957 
      Acquisizione dell'acciaieria Hellefors e relativo laminatoio a freddo a Bångbro.
  • 1960-1979
    SKF map 1979 0901d196801be200
    SKF in breve:
    Fatturato nel 1979:
    11.000 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    54.000
    Un tipico annuncio pubblicitario dei primi anni '60

    Un tipico annuncio pubblicitario dei primi anni '60

    San Paolo, Brasile, 1962

    San Paolo, Brasile, 1962

    • 1962 
      Costruzione di uno stabilimento fuori San Paolo, Brasile. Inge Stenberg succede a Joel Larsson nel ruolo di amministratore delegato.

      1963 
      Costruzione di un centro di ricerca a King of Prussia, Stati Uniti.

      1964 
      Inaugurazione di uno stabilimento per la produzione di cuscinetti volventi a Pune, in India, di cui la SKF detiene il pacchetto azionario di maggioranza. Muore Inge Stenberg e Folke Lindskog gli succede nel ruolo di amministratore delegato.

      1965 
      Fondazione della RIV-SKF dall'acquisizione da parte di SKF dei due terzi delle azioni del produttore italiano di cuscinetti volventi RIV, con stabilimenti in Argentina e Spagna.

      1966 
      Acquisizione del produttore di utensili Malcus AB di Halmstad, in Svezia. Inaugurazione dello stabilimento per la produzione di cuscinetti volventi di Uitenhage, Sud Africa.

      1970 
      La SKF conta 68 stabilimenti con 67.700 dipendenti, il 78% dei quali al di fuori della Svezia.

      1971 
      Inaugurazione di uno stabilimento a Sarajevo, in Jugoslavia, come risultato di un accordo di joint venture con una società jugoslava. Jacob Wallenberg va in pensione e Folke Lindskog lo sostituisce nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione. Lennart Johansson viene nominato nuovo amministratore delegato.

      1972 
      Inaugurazione di un nuovo centro di ricerca a Niewegein, Paesi Bassi.

      1974 
      La SKF acquisisce il controllo totale del produttore australiano di cuscinetti volventi, di cui era comproprietaria dal 1959.

      1975 
      Acquisizione del pacchetto azionario di maggioranza di The Sheffield Twist Drill and Steel Company. Apertura di uno stabilimento per componenti per il settore tessile a Singapore.

      1976 
      Cambio di ragione sociale della casa madre, da Aktiebolaget Svenska Kullagerfabriken a Aktiebolaget SKF. SKF Industries Inc., in Pennsylvania, acquisisce la McQuay-Norris Company di St. Louis, Missouri, un produttore e distributore di componenti e ricambi per il settore automobilistico.

      1978
      La SKF-CAM chiude lo stabilimento di Bois-Colombes. Lo stabilimento di Echuca in Australia chiude in seguito alle modifiche apportate dal governo del paese alle norme sull'importazione.

      1979 
      Il Gruppo Fiat vende il suo pacchetto azionario di minoranza della RIV-SKF al Gruppo SKF. Conclusione dell'accordo di joint venture con IKL, la società jugoslava di Belgrado.
  • 1980-1999
    SKF map 1999 0901d196801c008a
    SKF in breve:
    Fatturato nel 1999:
    36.700 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    41.000
    Nilay, Malesia, 1992

    Nilay, Malesia, 1992

    Tecnici dell'assistenza SKF guidano un cuscinetto CARB SKF nella metà inferiore di un supporto SDM

    Tecnici dell'assistenza SKF guidano un cuscinetto CARB SKF nella metà inferiore di un supporto SDM

    • 1980 
      Trasferimento della funzione di supervisione aziendale della SKF per i mercati dell'Europa orientale da Vienna alla nuova consociata SKF Eurotrade AB di Göteborg. SKF riprende le attività in Zimbabwe dopo 12 anni di assenza da quel mercato. Dismissione del pacchetto azionario di minoranza del produttore di cuscinetti iraniano Tabriz. Folke Lindskog va in pensione e Peter Wallenberg lo sostituisce nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

      1981  
      Chiusura dello stabilimento di Scarborough, Canada.

      1983,
      Chiusura dello stabilimento di Ivry, Francia. La produzione di cuscinetti in Francia si concentra in due stabilimenti: Saint-Cyr-sur-Loire e Fontenay-le-Comte. Acquisizione di Anderton International, Regno Unito.

      1984 
      Acquisizione della Fägersten & Co., Svezia.

      1985 
      Quotazione delle azioni della SKF nelle borse di Zurigo e Basilea e a New York tramite il sistema NASDAQ. Acquisizione di Stellana Plast AB. SKF Española diventa una consociata totalmente controllata da SKF. Acquisizione di Waldes Truarc Inc. Inizio di una joint venture con il produttore di cuscinetti giapponese Koyo. Peter Wallenberg va in pensione e Lennart Johansson gli succede nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione. Mauritz Sahlin succede a Lennart Johansson nel ruolo di amministratore delegato.

      1986 
      Acquisizione di MRC Bearings, Stati Uniti. Il produttore messicano di cuscinetti IBISA diventa una società consociata totalmente controllata dal Gruppo SKF. Fusione di SKF Steel con Ovako Oy Ab per formare la società Ovako Steel AB, di cui SKF possiede il 50%.

      1987 
      Acquisizione di tre aziende nel settore dei prodotti per il movimento lineare: Jacob AG in Svizzera, Transmatic in Svezia e Norvegia e Ateco nei Paesi Bassi. Acquisizione di Gamfior, produttore italiano di mandrini e viti a sfere.

      1988 
      Acquisizione del produttore austriaco di cuscinetti Steyr Wälzlager Ges.m.b.H. Acquisizione del produttore britannico di cuscinetti radenti per aeromobili AMPEP P.L.C. Istituzione dell'SKF College of Engineering. Istituzione di nuove società commerciali in Thailandia e Hong Kong e apertura di una sede nelle Filippine. Il distributore nazionale di SKF in Indonesia costituisce una nuova società, la P.T. Skefindo Pramatama. Apertura di un centro spedizioni a Shanghai in collaborazione con l'organizzazione commerciale per le esportazioni di Shanghai.

      1989 
      Acquisizione del pacchetto azionario di maggioranza della Palomar Technology International Inc., Stati Uniti. La Palomar produce attrezzature per il condition monitoring dei cuscinetti volventi. Inaugurazione degli stabilimenti per la produzione di cuscinetti di Bangalore in India e Guarulhos in Brasile.

      1990 
      Acquisizione del produttore italiano di utensili Cofler & C.S.p.A. Acquisizione del produttore di tenute CR Industries. Acquisizione dell'unità di produzione paraolio dell'italiana Gallino Gomma S.p.A. Fusione di SKF Tools con la tedesca Günther & Co. per costituire la CTT Tools. Acquisizione della Dymac di San Diego, specialista nel monitoraggio delle vibrazioni. SKF Tools acquisisce un'importante quota della Union Butterfield Corp, produttore americano di utensili per il taglio dell'acciaio ad alta velocità. Acquisizione di Fixtur-Laser, produttore svedese di strumenti per le misurazioni laser.

      1991 
      Acquisizione della svizzera SMM, produttore di mandrini ad alta velocità per filatoi. La consociata tedesca Seeger-Orbis GmbH acquisisce due stabilimenti nella Germania dell'Est. Introduzione del concetto di canale nelle attività di produzione. Apertura di società commerciali in Polonia e Bulgaria.

      1992 
      Inizio delle attività nel nuovo stabilimento in Malaysia. Vendita della divisione CTT Tools. Lennart Johansson va in pensione e viene sostituito da Anders Scharp nel ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

      1993 
      Vendita dello stabilimento per la produzione di cuscinetti a sfere di Madrid. Vendita di Stellana AB, Fixtur-Laser AB e della consociata francese ADR.S.A. a seguito della crescente focalizzazione di SKF sulle sue attività principali, ovvero cuscinetti volventi e tenute.

      1994 
      Acquisizione del produttore di tenute Goetze Elastomere GmbH. Inaugurazione dell'SKF European Distribution Centre a Tongeren, in Belgio.

      1995  
      Lancio dei cuscinetti toroidali a rulli CARB. Inizio di una joint venture per la produzione di unità cuscinetto per mozzi ruota in Corea. Acquisizione dell'80% del produttore polacco di cuscinetti FLT Poznan. Mauritz Sahlin va in pensione e Peter Augustsson lo sostituisce nel ruolo di amministratore delegato.

      1996  
      Joint venture con una consociata di China Railways. Costruzione di un nuovo stabilimento per la produzione di unità cuscinetto per mozzi ruota ad Aiken, negli Stati Uniti, in collaborazione con l'SKF Technical Center di Detroit.

      1997
      Nuove joint venture in Cina, una con Wafangdian Group per la produzione e vendita di cuscinetti orientabili a rulli, l'altra con una nuova società per la produzione di tenute paraolio nata da una joint venture tra Chicago Rawhide e ANZAG. Inizio della produzione in serie presso la SKF Hanwha Automotive Components Corporation in Corea. Acquisizione del pacchetto azionario di maggioranza del produttore indonesiano di cuscinetti PT Logam Sari Bearindo di Giacarta. Vendita della FlexLink Systems AB. SKF e Revolve Technologies Inc. in Canada fondano una nuova società, la Revolve Magnetic Bearings. Acquisizione del pacchetto azionario di maggioranza di Lutsk Bearing Plant, in Ucraina.

      1998 
      Istituzione di un'altra joint venture in Cina con Wafangdian Bearing Co. Ltd. Acquisizione del produttore americano di mandrini per macchine utensili Russell T. Gilman. Nomina di Sune Carlsson a presidente e CEO. Certificazione del Gruppo SKF secondo la normativa ISO 14001.

      1999 
      Vendita della SKF Textile Machinery Components con sedi a Cannstatt in Germania e a Singapore. Vendita dell'impianto di forgiatura di Arvika, in Svezia. Partnership con Gamfior, produttore italiano di viti a sfere rettificate. Lancio dei cuscinetti della classe SKF Explorer. Lancio della rete di e-business Endorsia.com.
  • 2000-2015
    SKF map 2009 0901d196801c0089
    SKF in breve:
    Fatturato nel 2015:
    75.997 milioni di corone svedesi

    Dipendenti:
    46.635
    Nel 2006 la SKF viene certificata secondo la normativa OHSAS 18001 per il sistema di gestione di salute e sicurezza

    Nel 2006 la SKF viene certificata secondo la normativa OHSAS 18001 per il sistema di gestione di salute e sicurezza

    Logo del centenario

    Nel 2007 la SKF celebra il suo primo centenario

    SKF Solution Factory

    Ampliamento della rete di SKF Solution Factory, che alla fine del 2010 raggiunge le 17 unità

    Stabilimento di Jinan

    Il nuovo stabilimento di Jinan è stato inaugurato nel 2012

    • 2000 
      Acquisizione delle seguenti aziende: Development Engineering International, società scozzese di consulenza tecnica sulla manutenzione; Machine Support BV, specialista olandese nell'allineamento geometrico di precisione; Sealpool AB, fornitore svedese di sistemi di tenuta; Diagnostic Instruments Ltd in Scozia; Electrac S.A., produttore francese di attuatori elettromeccanici. Vendita di Lidköping Machine Tools. SKF, FAG e NN Ball and Roller iniziano una joint venture per la produzione di sfere. Acquisizione di un importante pacchetto azionario della società Revolve Magnetic Bearings.

      2001
      Acquisizione di Gamfior S.p.A., principale produttore italiano di mandrini motorizzati ad alta precisione e viti a sfere. Sviluppo della concept car drive-by-wire FILO in collaborazione con la società di progettazione Bertone. SKF e Timken costituiscono una joint venture in Brasile per la produzione di anelli cuscinetto. SKF Logistics Services apre un nuovo centro di distribuzione per l'Asia a Singapore. SKF sigla un accordo con Sandvik, Rockwell Automation, INA e Timken per la comproprietà di Endorsia.com. Istituzione dell'SKF Manufacturing Development Centre a Göteborg, in Svezia.

      2002 
      Ampliamento di SKF Reliability Systems con l'acquisizione di Delta Consult nei Paesi Bassi ed Erin Engineering and Research negli Stati Uniti. Ulteriori acquisizioni: Magnetic Group, principale produttore svizzero di attuatori elettromeccanici; Aerospace Bearings UK, produttore di cuscinetti per alberi principali e riduttori per motori a reazione; SBB in Bulgaria, con quattro stabilimenti per la produzione di cuscinetti; The Twentieth Century Machine Co., produttore statunitense di viti a sfere rettificate. SKF Bearings Co. Ltd. di Shanghai, un nuovo stabilimento in joint venture, inizia la produzione di cuscinetti radiali a sfere di piccole dimensioni.

      2003
      Tom Johnstone succede a Sune Carlsson nel ruolo di amministratore delegato e CEO. Acquisizione di Scandrive Control AB, produttore svedese di servo-ingranaggi per il settore tipografico e Rolling Stock Supply & Service Pty Ltd, azienda australiana specializzata nella manutenzione dei cuscinetti per il settore ferroviario. Vendita degli impianti di produzione dei componenti nei Paesi Bassi. SKF decide di lasciare le borse di Parigi, Zurigo e il NASDAQ.

      2004 
      Acquisizione di Willy Vogel AG, produttore leader mondiale di sistemi di lubrificazione. Apertura di un Industrial Services Centre a Mosca, in Russia. Acquisizione del restante 40% della cinese Anhui CR Seals Co., Ltd.

      2005 
      Le azioni della SKF vengono revocate dalla borsa di Londra. Acquisizione di Jaeger Industrial Ltd, principale produttore taiwanese di attuatori elettromeccanici. Acquisizione di Sommers Industriteknik AB, distributore dei sistemi di lubrificazione Vogel in Svezia. SKF, Rautaruukki e Wärtsilä uniscono le loro attività di lavorazione dell'acciaio in una nuova società in comproprietà, la Oy Ovako AB.

      2006 
      La SKF viene certificata OHSAS 18001 per la gestione di salute e sicurezza. Acquisizione del 51% delle azioni del produttore nordamericano di tenute Macrotech Polyseal Inc. SKF Life Theory viene adottato come nuovo standard ISO per il calcolo della durata dei cuscinetti. Acquisizione di SNFA SAS, principale produttore francese di cuscinetti per il settore aerospaziale e delle macchine utensili. Acquisizione di una società finlandese leader nell'ambito dei sistemi di lubrificazione. SKF, Rautaruukki Corporation e Wärtsilä Corporation vendono Oy Ovako Ab. Acquisizione di Precision Balancing & Analyzing, specialista statunitense in riparazioni e ottimizzazione dei mandrini per macchine utensili. Acquisizione di Monitek, società australiana di servizi di manutenzione predittiva. Acquisizione di Economos Austria Gmbh, produttore di tenute industriali.

      2007  
      La SKF celebra il suo primo centenario. Inizio della produzione in tre nuovi stabilimenti in Asia, uno in Cina e due in Corea. Acquisizioni importanti: ABBA, produttore di guide lineari con sede centrale a Taiwan; S2M, azienda francese leader nel campo dei cuscinetti magnetici; Baker Instruments, azienda americana leader nella produzione di strumenti diagnostici e di collaudo; Automatic Lubrication Systems, società di servizi canadese per attrezzature di trasporto mobili; Preventive Maintenance Company Inc, leader nel mercato statunitense nel campo dei servizi di manutenzione predittiva. Vendita dell'unità di forgiatura dello stabilimento di Lüchow in Germania. Lancio di nuovi prodotti e servizi, compresa una nuova gamma di cuscinetti a risparmio energetico che consente una riduzione dell'attrito nei cuscinetti di almeno il 30%.

      2008
      Acquisizioni: attività di produzione di tondini metallici dell'americana QPM Aerospace; due stabilimenti in Cina e uno in Thailandia dalla PEER Bearing Company con sede negli Stati Uniti; Cirval S.A., società argentina specializzata in progettazione, produzione e vendita di sistemi di lubrificazione centralizzata. Anders Scharp si dimette dalla carica di presidente del consiglio di amministrazione e Leif Östling viene eletto al suo posto. La gamma di cuscinetti a risparmio energetico viene ampliata con l'aggiunta dei cuscinetti orientabili a rulli e dei cuscinetti a rulli cilindrici. Data la contrazione della domanda, alla fine dell'anno, SKF annuncia l'intenzione di ridurre la capacità produttiva e i costi.

      2009
      Acquisizione del restante 49% di Macrotech Polyseal Inc, Stati Uniti. L'azienda assume la nuova ragione sociale SKF Polyseal. Ampliamento della rete di SKF Solution Factory. Si tratta di un concept che riunisce l'intera offerta dei servizi SKF. In collaborazione con la Cambridge University, viene istituito presso l'ateneo l'SKF University Technology Centre on Steels. Apertura dell'SKF Global Testing Centre a Bangalore.

      2010
      Istituzione dell'SKF University Technology Centre on Tribology in collaborazione con l'Imperial College di Londra. Apertura di due nuovi stabilimenti in India (Hardiwar e Ahmedabad) e uno in Russia (Tver). Apertura di nuovi SKF Industry Service Centre: per il settore eolico a Shanghai e Houston, per il settore petrolchimico ad Aberdeen e Stavanger, per il settore navale a Rotterdam. Apertura dell'SKF Global Technical Centre China. Ampliamento della rete di SKF Solution Factory, che alla fine dell'anno raggiunge le 17 unità. Acquisizione del produttore statunitense di sistemi di lubrificazione Lincoln Holdings Enterprises.

      2011
      Vendita dello stabilimento di Göteborg per la produzione di gabbie. Istituzione dell'SKF University Technology Centre on Sustainability and Environment in collaborazione con la Chalmers University of Technology di Göteborg. L'SKF Distributor College, istituito nel 2001, assegna l'attestato numero 100.000. Il centro offre corsi di formazione per i concessionari SKF. Apertura di un Latin American Distribution Centre a Montevideo, in Uruguay. Apertura di un secondo stabilimento per la produzione di cuscinetti di medie dimensioni a Dalian, nella regione nord-orientale della Cina. Ampliamento dello stabilimento brasiliano per la produzione di cuscinetti ruota avanzati. Apertura dell'SKF Global Technical Centre India a Bangalore e istituzione di un SKF University Technology Centre per il condition monitoring e la gestione delle risorse in collaborazione con la svedese Luleå Technical University.

      2012
      Il Gruppo SKF acquisisce la società General Bearing Corporations con sede negli Stati Uniti. SKF sviluppa una gamma di applicazioni di Knowledge Engineering per il mercato della telefonia mobile. Viene stabilito un Guinness World Record a Liseberg ed SKF supporta il Kim Källström Trophy durante la Gothia Cup. Vengono completati l'integrazione e il rebranding del marchio SNFA. SKF intensifica l'orientamento alla sostenibilità e lancia una strategia per la tutela del clima. Stringe una partnership con il WWF per ridurre le emissioni di gas serra. Viene diffuso il concetto BeyondZero attraverso una gamma di soluzioni che offrono importanti vantaggi ambientali. SKF celebra 100 anni di presenza in Cina con nuovi investimenti e l'inaugurazione di un nuovo stabilimento a Jinan.

      2013
      La SKF acquisisce la Blohm + Voss Industries GmbH e la Kaydon Corporation e cede la struttura di produzione per barre metalliche alla Precision Castparts Corp. Per il 14° anno consecutivo la SKF viene nominata una delle società più sostenibili del mondo sia dal Dow Jones Sustainability World Index (DJSI) sia dal Dow Jones Sustainability Index per l’Europa. Alla fiera di Hannover 2013, la SKF presenta una selezione di prodotti e soluzioni integrate ispirati al tema “Release the Power of Knowledge Engineering”.

      2014
      La SKF investe nella creazione di due nuovi Global Technical Centre in Europa e uno negli Stati Uniti. La SKF festeggia 10 anni di risparmi realizzati grazie all'SKF Documented Solutions Programme e documentati dai suoi clienti. Viene intensificata la collaborazione con la Gothia Cup e la SKF sponsorizza lo stadio per le finali del campionato. La SKF opera due acquisizioni: la GLOi e la Hofmann Engineering North America. La SKF investe in una struttura di produzione della Kaydon in Brasile. La SKF continua l'integrazione delle attività mobili nell'industria, favorendo l'impiego di smartphone e tablet nelle applicazioni industriali. Alrik Danielson viene nominato nuovo President e CEO a partire dal 1 gennaio 2015 succedendo a Tom Johnstone e, in seguito a questo cambio al vertice, viene realizzata una riorganizzazione della struttura


       della SKF.


      2015
      Viene creata l'area Industrial Market dalla fusione di due aree commerciali, ovvero Strategic Industries e Regional Sales and Service . Ciò per semplificare la struttura organizzativa e renderla più orientata al cliente sia in ambito di procedure di vendita che di sviluppo dell'offerta, nonché per aumentare la produttività. SKF investe 190 milioni di corone svedesi per ammodernare i canali di produzione per cuscinetti orientabili a rulli dello stabilimento di Göteborg. Costruzione di un grande test centre a Schweinfurt, Germania, per testare i cuscinetti utilizzati nelle turbine eoliche e per le applicazioni di un'ampia gamma di settori industriali. Inaugurazione di un nuovo stabilimento per cuscinetti Kaydon a Cajamar, San Paolo, Brasile, destinato alla produzione di ralle di orientamento per il mercato della produzione di energia brasiliano. Completamento delle cessioni di Erin Engineering and Research Inc., Purafil e Kaydon Custom Filtration and Canfield Technologies, Inc.

SKF logo