Cookie sul sito web SKF

SKF usa i cookie sui suoi siti web per allineare il più possibile le informazioni in base alle preferenze dei visitatori, come ad esempio paese e lingua.

Acconsenti ai cookie SKF?

Design e varianti

Gamma SKF standard

  • cuscinetti delle serie 72 B(E) e 73 B(E) con angolo di contatto di 40° (fig. 1)
  • alcune dimensioni della serie 70 B
  • cuscinetti schermati:
    • della serie 72 B(E) (15 ≤ d ≤ 55 mm)
    • della serie 73 B(E) (12 ≤ d ≤ 50 mm)
  • cuscinetti della serie 72 AC con angolo di contatto di 25° (15 ≤ d ≤ 70 mm)
  • cuscinetti della serie 73 AC con angolo di contatto di 25° (17 ≤ d ≤ 70 mm)
  • alcuni cuscinetti di grandi dimensioni con anello esterno flangiato
  • cuscinetti SKF in pollici (serie ALS e AMS)
Cuscinetti con design base
  • sono destinati a disposizioni regolate, in cui solo un cuscinetto è utilizzato per ogni posizione e non sono idonei per il montaggio in posizioni di contiguità reciproca
  • hanno tolleranze Normali per la larghezza del cuscinetto e la sporgenza degli anelli
  • offrono prestazioni differenti rispetto ai cuscinetti SKF Explorer
Cuscinetti per montaggio universale
  • sono disponibili con angoli di contatto di 25° e 40°
  • sono destinati all'utilizzo in gruppi
  • presentano ampiezze e sporgenze degli anelli realizzate secondo tolleranze ristrette
  • possono essere utilizzati al posto di cuscinetti con design base per disposizioni con cuscinetti singoli, poiché offrono maggiore precisione e capacità di carico e possono operare a velocità più elevate

Se due cuscinetti vengono montati immediatamente adiacenti l'uno all'altro, si ottiene uno specifico gioco interno o precarico e una distribuzione uniforme del carico tra i cuscinetti, senza bisogno di utilizzare spessori o accorgimenti analoghi.

I cuscinetti per montaggio universale sono identificati dai seguenti suffissi:

  • CA, CB, CC o G per il gioco interno
  • GA, GB o GC per il precarico

Negli ordini si deve indicare il numero di cuscinetti singoli richiesti e non il numero di gruppi.

Il montaggio in coppia si può eseguire in tre modi

Disposizione in tandem (fig. 2)
  • si utilizzano quando la capacità di carico di un cuscinetto singolo non è sufficiente
  • offrono una distribuzione uniforme di carichi radiali e assiali
  • hanno linee di carico parallele
  • possono sopportare carichi assiali in una sola direzione
    Se i carichi assiali agiscono in ambo le direzioni, è necessario prevedere un terzo cuscinetto montato in opposizione rispetto alla coppia in tandem.
Disposizione ad "O" (fig. 3)
  • disposizioni di cuscinetti relativamente rigide
  • possono sopportare momenti di ribaltamento
  • le linee di carico divergono dall'asse del cuscinetto
  • possono sopportare carichi assiali in entrambe le direzioni, ma solo su un cuscinetto per ogni direzione
Disposizione a "X" (fig. 4)
  • sono meno sensibili al disallineamento, ma non tanto rigide quanto le disposizioni a "O"
  • le linee di carico convergono verso l'asse del cuscinetto
  • possono sopportare carichi assiali in entrambe le direzioni, ma solo su un cuscinetto per ogni direzione
Cuscinetti con angolo di contatto di 25° (serie AC)
  • sono dotati di geometria della pista ottimizzata per alta velocità
  • offrono minore sensibilità a carichi assiali e disallineamento, compresa la capacità di sopportare carichi di picco di entità doppia prima che si verifichino sollecitazioni perimetrali
  • nella versione standard, sono dotati di gabbia massiccia in ottone ottimizzata
I vantaggi rispetto ai cuscinetti con angolo di contatto di 40° comprendono:
  • velocità limite più elevate del 20%
  • maggiore capacità di carico radiale (a compensazione della minore capacità di carico assiale)
  • maggiore robustezza, se utilizzati come cuscinetti di appoggio in gruppi caricati prevalentemente in una direzione
Cuscinetti schermati

SKF fornisce i cuscinetti obliqui a una corona di sfere delle serie 72 B(E) e 73 B(E), che sono dotati di tenute su ambo i lati. Per maggiori informazioni, fare riferimento alla sezione Tenute integrate.

Tenute non striscianti (suffisso 2RZ nell'appellativo, fig. 5)

  • non generano momenti di attrito supplementari
  • possono operare alle stesse velocità limite dei cuscinetti aperti
  • formano un piccolissima luce con lo spallamento dell'anello interno
  • sono realizzate in NBR (resistente all’usura e all’olio) e rinforzate con un lamierino metallico
  • consentono un contatto adeguato e vantaggioso con la scanalatura in cui sono inserite
Quando i cuscinetti con dispositivi di protezione operano in alcune condizioni, ad es. a velocità molto alte o temperature elevate, si possono verificare perdite di grasso tra l'anello interno e il dispositivo di protezione. Per le applicazioni in cui una tale condizioni potrebbe compromettere le prestazioni, occorre prendere opportuni provvedimenti.

Design dei cuscinetti con tenuta integrata

I cuscinetti schermati su entrambi i lati sono lubrificati a vita e praticamente esenti da manutenzione. Nella versione standard, sono riempiti con grasso a base di poliurea a elevate prestazioni (GXN, nessun suffisso nell'appellativo) → tabella 1.

Su richiesta, sono disponibili grassi non standard.

Durata del grasso per cuscinetti dotati di dispositivi di protezione

  • è indicata come L10ovvero il periodo di tempo al termine del quale il 90% dei cuscinetti è ancora adeguatamente lubrificato (diagramma 1).
  • dipende da:
    • temperatura di esercizio
    • il fattore ndm valore
    • fattore relativo alle prestazioni del grasso (GPF) (tabella 1)
La durata del grasso indicata si intende per la seguente combinazione di condizioni di esercizio:
  • albero orizzontale
  • rotazione dell’anello interno
  • carico leggero, (P ≤ 0,05 C)
  • temperatura di esercizio entro la zona verde di temperatura del grasso (tabella 1)
  • macchinari fissi
  • livelli di vibrazione minimi

Se le condizioni di esercizio sono diverse, come indicato di seguito, la durata del grasso ottenuta dal diagramma deve essere rettificata:

  • alberi verticali → 50% del valore del diagramma
  • Per carichi più pesanti (P > 0,05 C) → utilizzare il fattore di riduzione (tabella 2)
Gabbie

I cuscinetti obliqui a una corona di sfere di SKF sono dotati di una delle gabbie indicate nella tabella 3. La gabbia massiccia in ottone (suffisso M nell'appellativo) è stata ottimizzata come indicato di seguito:

  • geometria ottimizzata delle cavità della gabbia
  • sezione trasversale e massa ridotta
  • maggiore robustezza del materiale con ridotto contenuto di piombo

Se utilizzati ad alta temperatura, alcuni lubrificanti possono avere effetti negativi sulle proprietà delle gabbie in poliammide. Per ulteriori informazioni sull'idoneità delle gabbie, fare riferimento a Gabbie.

SKF logo