Cookie sul sito web SKF

SKF usa i cookie sui suoi siti web per allineare il più possibile le informazioni in base alle preferenze dei visitatori, come ad esempio paese e lingua.

Acconsenti ai cookie SKF?

Cuscinetti radiali a una corona di sfere

Cuscinetto radiale a una corona di sfere

I cuscinetti radiali a una corona di sfere sono disponibili nella versione con dispositivi di protezione (tenute o schermi) o aperta. I cuscinetti aperti, che sono disponibili anche con dispositivi di protezione, possono essere dotati di scanalature nelle facciate laterali (fig. 1).

I cuscinetti SKF in pollici delle serie EE(B), RLS e RMS sono destinati alle applicazioni del mercato ricambi, quindi SKF consiglia di non utilizzarli per nuovi design di disposizioni di cuscinetti.

SKF fornisce anche cuscinetti con foro conico. Per informazioni dettagliate, rivolgetevi a SKF.

Cuscinetti con dispositivi di protezione

Le linee guida per la scelta dei dispositivi di protezione più idonei per le diverse condizioni di esercizio sono riportate nella tabella 1. Tuttavia, queste linee guida non possono sostituire test con schemi o tenute nelle diverse applicazioni. Per maggiori informazioni, fare riferimento alla sezione Tenute integrate.

Le tenute si montano in una scanalatura nell'anello esterno e consentono un contatto adeguato e vantaggioso con la scanalatura stessa, senza deformare l'anello esterno. I dispositivi di protezione sono disponibili come:

Schermi (suffisso Z nell'appellativo)

  • sono destinati principalmente alle applicazioni che prevedono la rotazione dell’anello interno
  • vengono montati sull'anello esterno e formano una stretta luce con l'anello interno
  • sono realizzati in lamiera d'acciaio
  • sono disponibili nella versione standard con un'estensione nel foro dello schermo (fig. 2), alcune dimensioni non sono disponibili nella versione con estensione
  • proteggono da sporcizia e detriti senza perdite dovute all'attrito

Tenute non striscianti (suffisso RZ nell'appellativo, fig. 3)

  • offrono una maggiore efficienza di tenuta rispetto agli schermi
  • possono operare alle stesse velocità degli schermi
  • formano un piccolissima luce con lo spallamento dell'anello interno
  • sono realizzate in NBR (resistente all’usura e all’olio) e rinforzate con un lamierino metallico

Tenute a basso coefficiente di attrito (suffisso RSL o RST nell'appellativo)

  • offrono una maggiore efficienza di tenuta rispetto ai tipi non striscianti
  • sono realizzate in NBR (resistente all’usura e all’olio) e rinforzate con un lamierino metallico
Design RSL (fig. 4):
  • possono operare alle stesse velocità degli schermi
  • non hanno praticamente alcun contatto con una rientranza nello spallamento dell'anello interno
  • sono disponibili per cuscinetti delle serie 60, 62, 63 in due design, in base alla dimensioni
Design RST (fig. 5):
  • contatto vantaggioso con una rientranza nello spallamento dell'anello interno per assicurare una buona efficienza di tenuta
  • su richiesta, sono disponibili per cuscinetti delle serie 60, 62 e 63 in tre design RST, in base alla dimensioni

Tenute striscianti (suffisso RSH, RSH2, RS1 o RS2 nell'appellativo)

  • sono realizzate in
    • NBR
    • FKM (suffisso RS2 o RSH2, disponibili su richiesta) rinforzati con lamiera d'acciaio
  • sono disponibili in design differenti, in base alle dimensioni del cuscinetto a cui sono abbinate:
    • per i cuscinetti serie 60, 62 e 63 in due design RSH (fig. 6), in base alle dimensioni
    • per i design RS1, che realizzano la funzione di tenuta contro lo spallamento dell'anello interno o una scanalatura nella facciata laterale dell'anello interno (fig. 7), il design è determinato dalla dimensione d1 o d2 nella tabella di prodotto.

ATTENZIONE

Le tenute realizzate in FKM (gomma al fluoro) esposte a fiamma libera o a temperature superiori a 300 °C (570 °F) sono pericolose per la salute e per l'ambiente! Restano pericolosi anche dopo essersi raffreddati.

Leggere e rispettare le prescrizioni di sicurezza indicate alla voce ATTENZIONE.

Unità a tenuta d'olio ICOS

  • sono utilizzate tipicamente per le applicazioni con requisiti di tenuta impegnativi, che le soluzioni di tenuta standard non sono in grado di soddisfare, ovvero la ritenzione dell'olio
  • sono dotate delle seguenti caratteristiche, rispetto ai cuscinetti con soluzioni di tenuta esterne:
    • richiedono meno spazio assiale
    • semplificano le procedure di montaggio
    • rendono superflue costose lavorazioni albero, poiché lo spallamento dell'anello interno funge da controfaccia di tenuta
  • prevedono un cuscinetto radiale a sfere della serie 62 e una tenuta SKF WAVE. (fig. 8):
    • tenuta radiale per alberi a labbro singolo, caricata a molla
    • realizzata in NBR
  • i valori per le velocità limite indicati nella tabella di prodotto sono basati sulla velocità circonferenziale ammissibile per la tenuta (14 m/s)
Grassi per cuscinetti con protezioni
I cuscinetti con dispositivi di protezione su ambo i lati sono lubrificati a vita e praticamente esenti da manutenzione. Sono sono riempiti con uno dei seguenti grassi:
  • cuscinetti radiali a sfere standard → tabella 2
  • cuscinetti radiali a sfere in pollici
    • D < 63,5 mm → MT47
    • D ≥ 63,5 mm → MT33
Su richiesta, i cuscinetti possono essere forniti con i seguenti grassi speciali:
  • il GJN per temperature elevate
  • grasso HT o WT per un'ampia gamma di temperature
  • grasso LHT23 per un'ampia gamma di temperature e funzionamento a bassi livelli di rumorosità
  • grasso LT per basse temperature

Le specifiche tecniche per i diversi grassi sono riportate nella tabella 3.

Il grasso standard non è identificato da nessun suffisso nella denominazione del cuscinetto. I grassi speciali sono identificati dal suffisso corrispondente. Prima di procedere all'ordine, verificare la disponibilità di cuscinetti con grassi speciali.

Durata del grasso per cuscinetti dotati di dispositivi di protezione

  • è indicata come L10ovvero il periodo di tempo al termine del quale il 90% dei cuscinetti è ancora adeguatamente lubrificato (diagramma 1).
  • dipende da:
    • temperatura di esercizio
    • il fattorem alla temperatura
    • fattore relativo alle prestazioni del grasso (GPF) (tabella 3)
La durata del grasso indicata si intende per la seguente combinazione di condizioni di esercizio:
  • albero orizzontale
  • rotazione dell’anello interno
  • carico leggero, (P ≤ 0,05 C)
  • temperatura di esercizio entro la zona verde di temperatura del grasso (tabella 3)
  • macchinari fissi
  • bassi livelli di vibrazione

Se le condizioni di esercizio sono diverse, come indicato di seguito, la durata del grasso ottenuta dal diagramma deve essere rettificata:

  • alberi verticali → 50% del valore del diagramma
  • Per carichi più pesanti (P > 0,05 C) → utilizzare il fattore di riduzione (tabella 4)
Se i cuscinetti con dispositivi di protezione devono operare in condizioni estreme, ad es. a velocità o temperature elevate, si possono verificare perdite di grasso sul diametro di tenuta. Per le applicazioni in cui una tale condizioni potrebbe compromettere le prestazioni, occorre prendere opportuni provvedimenti. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al servizio di ingegneria dell'applicazione SKF.
Cuscinetti con scanalatura per anello di ancoraggio
  • possono semplificare la progettazione della disposizione
    • vincolando il cuscinetto in direzione assiale nell'alloggiamento mediante un anello di ancoraggio (fig. 9)
    • consentendo di ridurre l'ingombro
    • riducendo considerevolmente il tempo di montaggio.

Gli anelli di ancoraggio appropriati sono riportati nella tabella di prodotto unitamente al loro appellativo e alle dimensioni.

Sono disponibili le seguenti varianti (fig. 10):

  • cuscinetti aperti solo con scanalatura per anello di ancoraggio, suffisso N
  • cuscinetti aperti con anello di ancoraggio (suffisso NR nell'appellativo)
  • cuscinetti con anello di ancoraggio e schermo sul lato opposto (suffisso ZNR nell'appellativo)
  • cuscinetti con anello di ancoraggio e schermo sullo stesso lato (suffisso ZNBR nell'appellativo)
  • cuscinetti con anello di ancoraggio e schermo su ambo i lati (suffisso 2ZNR nell'appellativo)
Cuscinetti per funzionamento silenzioso per generatori elettrici di grandi dimensioni
  • sono progettati per soddisfare requisiti impegnativi per i livelli di rumorosità
  • sono utilizzati tipicamente nei generatori delle turbine eoliche
  • offrono prestazioni ottimali in una vasta gamma di condizioni di esercizio differenti
  • sono identificati dal suffisso VQ658 nell'appellativo
    (→ Cuscinetti radiali a sfere SKF Quiet Running)
Gabbie

I cuscinetti radiali a una corona di sfere di SKF sono dotati di una delle gabbie indicate nella tabella 5. La gabbia standard stampata in acciaio non è identificata nell'appellativo del cuscinetto. Se è necessaria una gabbia non standard, verificare la disponibilità prima di procedere con l’ordine.

Se utilizzati ad alta temperatura, alcuni lubrificanti possono avere effetti negativi sulle proprietà delle gabbie in poliammide. Per ulteriori informazioni sull'idoneità delle gabbie, fare riferimento a Gabbie.

Cuscinetti appaiati
  • si utilizzano quando la capacità di carico di un cuscinetto singolo non è sufficiente
  • si utilizzano nelle applicazioni in cui l'albero deve essere vincolato assialmente in entrambe le direzioni con uno specifico gioco assiale
  • se montati uno accanto all'altro, il carico risulta distribuito uniformemente tra i cuscinetti senza dover ricorrere a spessori o dispositivi simili

La marcatura a forma di "V", impressa sulla superficie esterna degli anelli esterni dei cuscinetti appaiati (fig. 11) indica in che modo montare la coppia di cuscinetti. Le coppie sono fornite in un'unica confezione.

Le coppie possono essere fornite in tre diverse disposizioni (fig. 12):

Disposizioni in tandem (suffisso DT nell'appellativo)

  • si utilizzano quando la capacità di carico di un cuscinetto singolo non è sufficiente
  • presentano linee di carico parallele e quindi i carichi assiali e radiali vengono distribuiti uniformemente
  • possono sopportare carichi assiali in entrambe le direzioni

Disposizione ad "O" (suffisso DB nell'appellativo)

  • le linee di carico divergono verso l'asse del cuscinetto
  • disposizioni di cuscinetti relativamente rigide
  • possono sopportare momenti di ribaltamento
  • possono sopportare carichi assiali in entrambe le direzioni, ma solo su un cuscinetto per ogni direzione

Disposizione a "X" (suffisso DF nell'appellativo)

  • le linee di carico convergono verso l'asse del cuscinetto
  • sono meno sensibili al disallineamento, ma non tanto rigide quanto le disposizioni a "O"
  • possono sopportare carichi assiali in entrambe le direzioni, ma solo su un cuscinetto per ogni direzione
SKF logo